Io sono Dio

Abbastanza luce per credere… Abbastanza buio per dubitare

AD

Purulenza Democratica alle primarie PD

Author: Nessun commento Share:

Ecco il PD. Il PD è marcio! Questa è la prova. Puzza. È un ammasso di melma putrefatta che inquina la voglia di buono che c’è in giro. È una cancrena della società che mangia lo strato buono del tessuto sociale ancora non infetto. È il cancro che ammala se stesso e contamina… contamina… e contamina.

Scava fino a trovare i punti deboli e infila se stesso al suo interno come un coltello in una piaga… e si gira… e rigira all’interno alimentando quella fogna purulenta che ormai è diventato.

Abbiamo visto le primarie PD a Milano, a Torino e in tutte le altre città dove ha trasformato una manifestazione democratica come le primarie appunto, in un bordello di puttane che si vendono per un euro.

Ora a Napoli, dove i cinesi non sono tantissimi come a Milano o Torino, ma dove un euro vale molto di più che nella città del biscione e del Pirellone.

Questo è il PD. Fatto di gente legalmente corrotta, condannata e riciclata come le mazzette di Buzzi e Carminati alle cene da mille euro di Renzi.

Riciclati come Bassolino, salvo solo grazie alla prescrizione per la infinita storia dei rifiuti a Napoli.

Ora Bassolino era di nuovo buono per il PD. Uno del territorio, uno di loro. Uno che nel curriculum aveva la condicio sine qua non per essere candidato: condannato/inquisito!

Almeno gli hanno “tagliato le gambe” dall’interno, sponsorizzando la Valente, che ovviamente è allo scuro di come abbia vinto le primarie (anche se a pensar male non si sbaglia mai). Certo è che, senza il minimo dubbio, in qualche modo dovrà pur restituire il favore a qualcuno… e chi si vende per un euro, prima o poi viene a bussare alla porta per riscuotere la spesa.

Chi parte pulito può sicuramente sporcarsi per strada, nessuno è perfetto, ma chi parte sporco, di certo non arriverà pulito!

Previous Article

Un giorno all’improvviso

Next Article

Napoli… la più bella città del mondo

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *