Io sono Dio

Abbastanza luce per credere… Abbastanza buio per dubitare

AD

L’ultimo miracolo – a Marco

Author: Nessun commento Share:

Il prossimo miracolo sarà l’ultimo miracolo.

Quello che non vede e non sente. Quello che non ride, quello che non ti sorride. Quello che il sorriso te lo ruba per sempre.

Sarà il miracolo che ruberà ogni sorriso. Sarà l’unico vero miracolo che tutti conoscono. Il miracolo della morte.

Il prossimo miracolo sarà mio. Non mi si metta davanti nessuno. Potrei morire di rabbia. E anche di rabbia, adesso, non posso morire.

Non stracciatemi il numero. È il turno mio.

Spiegatelo voi alla mia bambina. Voi che forse non potrete mai raccontare di essere in fila per un miracolo. Spiegatelo a lei che non potrò essere il nonno di suo figlio.

A mio figlio spiegategli come si diventa un buon padre. Io mi ci scuso se non lo son stato.

E alla mia donna? Ditele che la sua compagnia è stata la cosa per cui sarebbe valsa la pena restare.

Ora è il mio turno, stanno chiamando il miracolo mio. Prendo le mie scarpe nuove, con cui non muoverò un passo, il vestito della festa, il mio pigiama usato e vado via!

Previous Article

L’ultimo saluto all’amico Leone

Next Article

La crisi di Mastella

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *