Io sono Dio

Abbastanza luce per credere… Abbastanza buio per dubitare

AD

Benedetta spending review

Author: Nessun commento Share:

Tagli, ridimensionamenti, accorpamenti, mobilità, pensionamenti la riforma dello strumento militare e l’ascia della spending review si fanno sentire nel pubblico impiego e soprattutto nel comparto della Difesa. In questi giorni anche il servizio sanitario militare è soggetto a un razionamento e circa trecento dipendenti civili saranno coinvolti. C’è un comparto che sembra immune ed è l’Ordinariato militare: i cappellani militari. Una veste talare con due stellette appuntate sul colletto con gradi, stipendio e indennità. I preti-soldato impegnati nel servizio pastorale fra i militari nelle caserme, navi da guerra e nei contingenti impegnati nelle cosiddette “missioni di pace”.

La spesa da parte dello Stato è di oltre 10 milioni di euro l’anno ed è una cifra che non comprende le pensioni.

L’ordinario militare è designato dal papa e nominato dal presidente della Repubblica in accordo con il presidente del Consiglio e dei ministri della Difesa e dell’Interno. Indossa le stellette e il salario di un generale di corpo d’armata: oltre 9mila euro al mese (lordi). Tutti gli altri cappellani, attualmente 182, sono inquadrati con i diversi gradi della gerarchia militare: il vicario generale è generale di brigata (6mila euro di stipendio); l’ispettore, il vicario episcopale, il cancelliere e l’economo sono tenenti colonnello (5mila euro); il primo cappellano capo è un maggiore (fra i 3 e i 4mila euro); il cappellano capo è capitano (3mila), il cappellano semplice ha il grado di tenente (2mila e 500).

Ma non sono solo i cappellani militari a gravare sulle nostre tasche. Ad esempio a Treviso, quattro sacerdoti – assunti come infermieri veri e propri – per dare assistenza spirituale ai pazienti del Ca’ Foncello – all’ULSS (Unità Locale Socio Sanitaria) costano quasi 10 mila euro al mese.

Se poi pensiamo che grazie ai Patti Laterensi – Concordato la Chiesa annualmente costa allo Stato italiano € 6.312.431.752 (dati inchiesta UAAR) non resta che chiederci il perché dei 7.400 posti letto tagliati nella sanità e la minaccia dei riscaldamenti spenti nelle scuole pubbliche (non private) dei nostri figli. (FG)

Previous Article

IMUni

Next Article

Terroristi

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *