Io sono Dio

Abbastanza luce per credere… Abbastanza buio per dubitare

AD

Il cetriolo di Berlusconi

Author: Nessun commento Share:

Il sogno di molti
Diamoci un taglio In effetti la coperta è troppo corta. Se copri le spalle si scoprono i piedi. Ma ormai c’è poco da scoprire: l’acqua calda l’hanno già scoperta, l’America, ahimé, pure, ed è stato un Italiano, la ruota anche e molto tempo prima. E gira che ti rigira sta ruota, il cetriolo va sempre dall’ortolano, e non entra mai dalla porta principale ma da “quella di dietro” e quasi mai ne da avviso! Stavolta l’avviso però è arrivato, direttamente dagli dei, quelli dell’Olimpo, che appena hanno sentito puzza di bruciato, si sono convertiti al cristianesimo e trasferiti in Italia. Ma nonostante l’ellenico avvertimento, i nostri “padroni” continuavano a spingere il cetriolo, rassicurandoci che l’Italia non era in pericolo di crisi. Noi la crisi non l’avremmo sentita. Per due anni, da quando comandano, ci hanno spinto il cetriolo. Lo hanno fatto così lentamente che davvero non ce ne siamo accorti e adesso che è tutto dentro, è bene non toglierlo. La mannaia della crisi economica è qui. Quella vera ha bussato alla nostra porta, quella sul retro, qualche sera fa. Certo, ci ha trovato il cetriolo, quello che hanno cominciato a spingere due anni fa, quando con una mano ci tenevano per mano, con l’altra mano ci accarezzavano il viso per tranquillizzarci e con l’altra mano ci spingevano il cetriolo… ma no, le mani sono due e non tre. Ma allora con cosa ci hanno spinto il cetriolo? E siamo proprio sicuri che era un cetriolo? Berlusconi in questi giorni almeno, ha avuto la decenza di non far vedere in TV la sua faccia da “spingitore di cetrioli”. Tra le tante facce che ha, quale faccia avrebbe usato per dire agli italiani che ci aveva riempito la testa di balle e il culo di cetrioli? Però ha rassicurato che non ha alzato le tasse. Io ricordo che anni fa, aumentavano gli stipendi di 10 perché aumentavano le tasse di 20. Questa volta le tasse non sono aumentate, o meglio, Berlusconi precisa che non ne sono state aggiunte di nuove. E con tutte le tasse che paghiamo, chi le paga, avrebbero dovuto istituirne una ulteriore sulla fantasia se fossero riusciti ad aggiungerne una nuova. Peccato per il blocco delle retribuzioni degli statali per quattro anni. Speriamo che il prezzo degli ortaggi non aumenti in questi quattro anni altrimenti quanto dovremo pagarlo il cetriolo? Il governo dei sinonimi intanto, dà prova delle capacità sartoriali con sforbiciate qua e la, buttate all’impazzata tra i fondi destinati alla “spesa pubblica” e alle regioni, demandando quindi, la colpa dell’aumento di tasse locali come la TARSU per esempio. Ahi che male il cetriolo. E pensare che un grande vanto di questo governo è stato lo scudo fiscale, che ha permesso a evasori, delinquenti criminali, sinonimi tutti del termine “Berlusconi”, di far rientrare denaro sporco, se non altro del nostro sudore, pagando una penale del 5%. I milionari hanno pagato la penale, noi continuiamo a pagare le pene. Il più gran regalo che l’Italia può fare agli Italiani, è la foto di Berlusconi dietro aste verticali di ferro con un pigiamino simil-juventino con un numero di serie stampato sul doppiopetto!

Previous Article

Cominciano i mondiali… finalmente

Next Article

Misteri della fede

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *