Io sono Dio

Abbastanza luce per credere… Abbastanza buio per dubitare

AD

La principessa triste

Author: Nessun commento Share:

La principessa triste
Il principe di Monaco e Charlene, sua moglie, così dicono, hanno già concluso la loro luna di miele. Così titolano oggi tutti i tiggì. Dopo che per più di una settimana ci hanno frantumato… i timpani con scoop del tipo: la principessa Charlene ha fatto la pipì 5 volte. Il principe Alberto ha perso un altro capello eccetera eccetera eccetera. La tortura è stata aggravata con la quasi concomitanza di un altro matrimonio reale, quello del principe Harry e la ormai famosa sorella di Pippa. Anche loro hanno avuto i loro momenti di gloria nei nostri tiggì: il principe Harry ha giocato a golf, la neo principessa ha fatto lo shampoo, ha sorriso, ha anche parlato. Sembra che nel contratto prematrimoniale non era espressamente vietato usare la bocca per comunicare. Detto contratto prevederebbe la rinuncia alle proprietà reali, la rinuncia ai figli che però potrà vedere ogni volta che lo desidera. Percepirebbe però un consistente assegno di mantenimento. Non so immaginare quale sia il contratto prematrimoniale dei reali monegaschi. Considerando però che a Cherlene è stato ritirato il passaporto mentre tentava la fuga dal principato e dal matrimonio, dopo aver appreso dell’ennesimo frutto del seme sparso dal principe per il mondo, si possono immaginare i contenuti. I più maligni ipotizzano un matrimonio lungo poco più della luna di miele. Poverini comunque. Adesso lui dovrà tornare a spingere di nuovo l’aratro lungo tutto il circuito cittadino del principato. Lei a casa ad apparecchiare l’utero per i prossimi figli del principe e la tavola per pranzo e cena all’uomo di casa. Charlene ha creato la nuova principessa triste. Le auguro che non abbia lo stesso destino della precedente perché il detto “chi è causa del suo mal pianga se stesso” ha un non so che di macabro.

Previous Article

Il giorno più nero per la democrazia

Next Article

Rubin hood

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *