Io sono Dio

Abbastanza luce per credere… Abbastanza buio per dubitare

AD

Punti di vista

Author: Nessun commento Share:

Ce l’hai un culo? Allora mi devi una tassa. Come tutte le automobili, anche per il culo, e scusatemi se lo chiamo col suo vero nome, sarà prima o poi dovuta una tassa. Come tutte le automobili, dicevo, anche il culo emette i suoi gas di scarico e per i quali andrà pagata la tassa. Può sembrare davvero una esagerazione, una di quelle cose equiparate all’asino che vola, a Babbo Natale o la befana ma aspettiamocelo prima o poi. Per ora cominciamo a sorbirci le pretese della RAI, e del fisco, che cominciano a bussare alla porta delle imprese che dispongono di tablet e smartphone esigendo anche per questi dispositivi, il pagamento del canone. Anche un semplice sistema di videosorveglianza è soggetto al canone RAI. Per ora sono esenti i videocitofoni e il tamagotchi ma gli esperti giurano che se il digi-pulcino diventa adulto, dovrà pagare un digi-canone RAI. Allora avrebbe più senso la tassa per l’emissione di gas intestinali piuttosto che il canone RAI per un dispositivo elettronico le cui finalità non sono certo quelle di un televisore. Il governo tecnico però, sembra indirizzato proprio nella direzione giusta. Infatti, nel nuovo modello per il 730, ci sarà una casellina per inserire il codice del bollettino del pagamento del canone RAI. Allora pensi: beh, almeno lo detraggo… col ca…. volo! Devi solo attestare che lo hai pagato. Ma che differenza c’è? A che serve? A niente. Chi non pagava il canone RAI può continuare a non pagarlo senza inserire alcunché nella casellina del 730. Del resto, se non avevo il televisore prima, perché ce lo devo avere adesso? Ma mettiamoci anche un po’ nei panni dei ladr…. Ops, dei dirigenti RAI. Perchemmai non pagare il canone? E le vacanze a Minzolini poi come gliele paghiamo? E poi… e poi, ai presentatori di Domenica in… chi glieli da i soldi? Per quanto guardo i canali RAI, non so nemmeno chi sono i presentatori di Domenica In… E alle comparse di tutti quei programmi interessanti che fanno al pomeriggio? E alla donna che ha abortito a causa del naufragio della Costa Concordia? Chi gliela paga la comparsa in TV? E al suo avvocato? Come? Non c’è stato nessun aborto a causa del naufragio? Ma io l’ho vista in TV… era lei… piangeva. Ha perso il bambino. No era solo una montatura per fare audience. Come quelle montature della Deusanio ai tempi di “Al posto tuo” o “Ricomincio da qui”? si proprio come quelle… peggio di quelle. Beh qualche forte dubbio, anche lecito, di perpetrare l’illecito di non pagare il canone a qualcuno viene. Fosse anche solo per non doversi sorbire i cosiddetti famosi non più famosi ma buttati su un’isola per ridiventare famosi. Per carità, la farfalla di Belen è carina, colorata, variopinta. Svolazzando li, dov’è costretta a svolazzare, avrà acquisito una esperienza in fatto di ornitologia degna dei maggiori esperti mondiali, ma dover finanziare il cachet di queste quattro puttanelle (poco elle molto oni) mi rode un po’ il culo. E si torna quindi al culo e alla sua tassa. Non vorrei aver suggerito l’idea ai tecnici che ci governano che in materia di culi ci capiscono poco quando si tratta dei loro, ma quando si tratta dei nostri, sono sempre molto ferrati.

Previous Article

Provolone

Next Article

Di chi sono i figli di Giovanardi?

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.