Io sono Dio

Abbastanza luce per credere… Abbastanza buio per dubitare

Reflusso acido e il nervo frenico

Author: Nessun commento Share:

[ad_1]

“Doc! Da quando hai iniziato a regolarmi non ho avuto alcun reflusso acido! Lo sento quasi ogni giorno. O è bruciore di stomaco, reflusso acido, tenuta al petto o qualsiasi altra cosa. Questo accade anche nei casi che hanno continuato per anni.

Recentemente, un paziente ha felicemente informato il proprio medico circa l’arresto brusco a 15 anni di problemi di bruciore di stomaco dopo l’inizio delle cure chiropratiche, a cui il medico di famiglia ha risposto che non c’è alcuna connessione tra la colonna vertebrale e il reflusso acido, quindi è Impossibile. Sono rimasto sorpreso da questa risposta. Forse il paziente ha frainteso il medico, o semplicemente il medico non era tagliente sulla loro anatomia.

La spiegazione è in realtà abbastanza semplice, ed è la ragione per cui così tante persone nel secolo scorso hanno visto questo stesso risultato dopo l’assistenza chiropratica.

Infatti, ecco una citazione da un articolo scritto più di 50 anni fa sull’argomento:

“Molti pazienti hanno presentato al medico di chiropratica in uno stato di disperazione, avendo già speso migliaia di dollari in test cardiaci e gastrointestinali che si sono rivelati negativi. I loro sintomi sfuggente includevano tenuta nel torace, respirazione limitata, bruciore di stomaco, reflusso acido e un impulso di delimitazione nell’addome. Non solo erano infelici, ma spaventati per la mancanza di una diagnosi. L’esame unico e mani del chiropratico ha trovato pressione, irritazione e tenerezza lungo il collo del paziente a livello di vertebre cervicali 3, 4 o 5. Dopo l’analisi chiropratica e la regolazione della colonna vertebrale disallineata, i sintomi si sono attenuati, spesso facilmente.”

Qual è la connessione tra il collo e la malattia del reflusso acido? Il nervo frenico.

Il nervo frenico passa dalla colonna vertebrale cervicale, livelli C3, C4 e C5, attraverso i polmoni al diaframma. A scuola, il detto “C3, 4 e 5 mantenere vivo il diaframma!” è stato utilizzato per aiutare a ricordare i dettagli sul nervo frenico.

Questo nervo controlla il diaframma, uno spesso foglio di muscolo che forma un pavimento sotto i polmoni e il cuore. Affinché il cibo scresti allo stomaco, deve passare attraverso il diaframma per arrivarci.

È comunemente inteso che la colonna vertebrale può pizzicare un nervo e causare un collo spasmed o schiena, formicolio o bruciare il braccio o la gamba. Quando pizzica o irrita il nervo frenico; il diaframma, essendo un muscolo, è soggetto a tensione e spasmo. Questo limita la respirazione, e se lo spasmo del diaframma è pronunciato, l’apertura attraverso la quale il cibo passa viene alterato, causando reflusso acido dallo stomaco e possibilmente quella che viene chiamata un’ernia iatale. Allo stesso modo, la stessa tensione muscolare può chiudersi sull’aorta e vena cava, causando un battito cardiaco palpitante.

Asma, bruciore di stomaco, o tenuta e dolore sotto le costole sono spesso il risultato di un diaframma sotto tensione a causa della pressione spinale sui nervi frenici.

Chiropratico è il primo passo logico per risolvere uno qualsiasi di questi problemi, o per prevenirli in modo che si può fare come il professore di musica istruito- “usare il diaframma!”

[ad_2]

Source by Dr Ryan French

Previous Article

Nag Champa Incense – Mente, corpo e anima

Next Article

Cosa dovresti sapere sull’alto numero di cellule del sangue bianche

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.